In Vicenza Today.com
In Vicenza Today.com





Chiese a Vicenza

Tutte le chiese più importanti di Vicenza: descrizioni architettoniche e storiche, opere d'arte in esse contenute, orari per le visite.
Basilica dei Santi Felice e FortunatoBasilica dei Santi Felice e Fortunato - Corso Ss. Felice e Fortunato, 219 - Vicenza

Il primo edificio di culto sorse in questo luogo in seguito all'editto di Costantino (313) che sancì la libertà di culto cristiana definitiva e l'adesione ufficiale al Cristianesimo dell'Impero Romano. L'area era già interessata dall'attività di sepoltura in epoca precente; infatti numerose tombe hanno restituito steli ed iscrizioni, monete ed oggetti di varia natura. Una fascia di marmo rosso all'interno della chiesa attuale defniisce ciò che rimane dell'antico luogo di culto paleocristiano.
La chiesa, nelle sue proporzioni attuali, fu costruita a partire dal V secolo ispirandosi alle basiliche della città di Milano e non subì particolari interventi per tutto l'arco dell'Alto Medioevo fino al 899, anno della sua quasi totale distruzione ad opera degli Ungari che invasero l'Italia. Riscostruita nel X secolo e affidata ai monaci benedettini la Basilica dei Santi Felice e Fortunato fu poi rimaneggiata a seguito della Controriforma che dettò, oltre a canoni e dogmi religiosi, anche corrispettivi linguaggi architettonici. Le successive aggiunte barocche permasero fino ad epoca recente qunado furono eliminate restituendo alla basilica la sua armonia e sobria eleganza, propria dello stile romanico.
L'interno è a tre navate suddivise da due serie di colonne in marmo. L'esterno si completa con la presenza del bel campanile e del Martyrion, una cappella edificata nel IV secolo con lo scopo di accogliere le reliquie dei santi ai quali è intitolata la basilica.

Stile: Paleo Romanico, Romanico.
Edificazione: IV-X secolo.
Orari: dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 18.30.
Biglietti: ingresso libero.
Telefono: +39.0444.547246
E-mail: non disponibile.
Sito web: non disponibile.
Cattedrale di Santa Maria AnnunciataCattedrale di Santa Maria Annunciata - Piazza Duomo - Vicenza

Sul sito di un preesistente nucleo abitatico romano qui sorse in epoca paleocristiana una chiesa intitolata a Sant'Eufemia, martire cristiana le cui reliquie si conservano tutt'oggi nella Cattedrale, successivamente ampliata nel VIII secolo per essere intitola alla Vergine e quindi fortemente rimaneggiata nel XII e XIII secolo; ma il progetto che condusse la costruzione ad assumere il suo aspetto odierno fu avviato solo nel Quattrocento su progetto di Lorenzo da Bologna, architetto ponte tra la scuola toscana e quella rinascimentale italiana, e completato nel secolo successivo da Andrea Palladio il quale firmò anche il progetto della cupola della Cattedrale di Santa Maria Annunciata sotto l'egida della Repubblica Serenissima di Venezia.
La Cattedrale soffrì pesantemente per i bombardamenti anglo-americani durante la Seconda Guerra Mondiale che ne rasero al suolo il profilo lasciando integra solo la facciata; la ricostruzione fu fatta con rigore storico ma furono perduti irrimedibilmente tutti i cicli di affreschi che la chiesa ospitava.
L'interno della chiesa offre una visione della stratificazione architettonica avvenuta nei secoli: mosaici paleocristiani e colonne cruciformi testimoniano delle passate trasformazioni a cui fu soggetto il sito.
Tra le opere conservate al suo interno spiccano il Polittico di Lorenzo Veneziano con la Dormitio Virginis (1366), e l'Adorazione dei Magi di Francesco Maffei.

Stile: Gotico, Rinascimentale.
Edificazione: V, VIII, XII, XIII secolo. Impianto attuale XV-XVI secolo, ricostruita nel XX.
Orari: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 17.30; sabato dalle 10.30 alle 12.00 o su prenotazione.
Biglietti: ingresso libero.
Telefono: +39.0444.320996
E-mail: non disponibile.
Sito web: non disponibile.
Chiesa di San Giorgio in GognaChiesa di San Giorgio in Gogna - Viale Fusinato, 115 - Vicenza

Si ipotizza che l'edificio tragga origine da un medievale sacello longobardo risalente al VIII secolo, in seguito trasformato per dare origine all'attuale forma architettonica medievale.
Ad ogni modo un documento risalente al 983 ne fa menzione. Il luogo di culto passò in seguito all'Ordine Benedettino che già erano insediati nella Basilica dei Santi Felice e Fortunato i quali si impegnarono nella bonifica della zona circostante l'edificio.
A partire dalla metà del XIII secolo e fino al 1630 San Giorgio in Gogna fu destinato a lazzareto per l'ospitalità e la "cura" degli appestati; l'attuale denominazione le dervia tuttavia dal suo utlizzo come carcere in tempi successivi.
La chiesa si presenta con pianta a unica navata con facciata lapidea e interno con soffitto a travi a vista e abside semicircolare; nella parete interna della controfacciata si può ammirare la pala di Alessandro Maganza (1556-1630) raffigurante l ’Apparizione della Vergine a Vincenza Pasini.
La piccola chiesa non fu rusparmiata dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale; l'attuale aspetto è frutto di una fedele e preziosa ricostruzione esegetica.

Stile: VIII secolo, Medievale.
Edificazione: VIII-X secolo.
Orari: dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 19.00. Domenica e festivi dalle 8.00 alle 12.00.
Biglietti: ingresso libero.
Telefono: +39.0444.323931
E-mail: non disponibile.
Sito web: Chiesa di San Giorgio in Gogna
 
 
 

In Vicenza Today è aggiornato ogni giorno

© In Vicenza Today
Tutti i diritti riservati